Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Banca Farma Factoring Publisher Banca Farma Factoring Publisher

Prevenzione e sostenibilità
19-04-2017


Così come il tema della sostenibilità economica del nostro Servizio sanitario nazionale. Tutti questi temi sono legati tra loro a filo doppio, non si può trattarne uno senza coinvolgere l'altro.
Complice l'invecchiamento e l'aumento della sopravvivenza, grazie all'efficacia delle cure, ci troviamo un quadro caratterizzato da un sensibile aumento delle persone che soffrono di patologie croniche e di pazienti in cura perché affette da tumore. Sono questi alcuni dei dati che emergono dal Rapporto Osservasalute 2016 che testimoniano un crescente aumento della pressione sul Ssn. Nel 2016 il 39,1% degli italiani è affetto da almeno una malattia cronica, tale quota nel 2013 rappresentava circa il 38%. In altre parole, 23 milioni e 600 mila persone hanno bisogno di cure quotidiane, circa 600 mila in più rispetto al 2013. La patologia più frequente è l'ipertensione arteriosa che, nel periodo 2011-2015, sperimenta un trend crescente: dal 27,5% del 2011 al 28,8% del 2015. L'ipertensione è una patologia ad alto consumo, nel 2015, secondo i Medici di medicina generale, ha assorbito il 67,4% di tutte le prescrizioni farmaceutiche a carico del Ssn, il 50,9% delle richieste di visite specialistiche e il 49,7% degli accertamenti. In aumento anche i disturbi tiroidei (con l'eccezione dei tumori tiroidei) che colpiscono il 14,3% della popolazione, con un incremento di 2,6 punti percentuali rispetto al 2011. Anche in questo caso il costo delle cure per il SSN è elevato, si prescrivono a questi pazienti il 25,3% delle prescrizioni farmaceutiche, il 25,9% delle richieste di visite specialistiche e il 25,4% delle richieste di accertamenti. Stabile, ma sempre ad alto rischio di complicanze, di costi sociali e di elevati costi assistenziale il diabete mellito tipo 2. Si tratta di una patologia che interessa il 7,5% della popolazione, cresce con l'età e raggiunge un picco (23,0%) nella fascia di età 80-84 anni. I pazienti affetti da diabete assorbono il 24,3% delle prescrizioni farmaceutiche, il 18,0% delle richieste di visite specialistiche e il 17,3% delle richieste di accertamenti. In generale, nel nostro Paese cresce l'esercito di coloro che ha contemporaneamente più cronicità e prende molte medicine, un contingente che nel 2015 ammonta al 23,7% 2 punti percentuali in più rispetto al 2011.

Leggi tutto


Torna alle notizie