Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Banca Farma Factoring Publisher Banca Farma Factoring Publisher

Disegno di legge di stabilità per il 2014: riduzione del finanziamento per il SSN
04-11-2013


Il disegno di legge di stabilità per il 2014, presentato lo scorso 23 ottobre al Senato, dispone una riduzione del finanziamento del SSN a cui concorre ordinariamente lo Stato di 540 milioni di euro per il 2015 e di 610 milioni di euro a decorrere dal 2016 (articolo 11, comma 21). Il taglio consegue dai risparmi di spesa di cui il SSN beneficerebbe grazie alle nuove misure previste per contenere la spesa per il pubblico impiego. In particolare, sulla base della Relazione Tecnica che accompagna il Ddl, la minore spesa del SSN deriverebbe dal blocco per il periodo 2015-2017 dell'indennità di vacanza contrattuale, con un risparmio di 140 milioni di euro per il 2015 e 210 a decorrere dal 2016, e dalla limitazione delle risorse destinate al trattamento accessorio del personale, con una minore spesa di 400 milioni annui a decorrere dal 2015.

Risulta, tuttavia, difficile precisare il nuovo livello del finanziamento del SSN per gli anni 2015-2016, perché il finanziamento vigente, a cui si applicano i tagli previsti nel Ddl stabilità 2014, non è precisamente definito dalla normativa vigente. Tale nodo dovrebbe essere sciolto entro la fine dell'anno, se "finalmente" verrà trovato l'Accordo tra Stato e Regioni per un nuovo Patto per la salute.

Per ora, alcune indicazioni sul nuovo livello di finanziamento possono essere ricavate, sulla base del principio condiviso tra Stato e Regioni (e già applicato nel 2011, in occasione dei tagli alla spesa e al finanziamento del settore sanitario introdotti con il Dl 98/2011), secondo il quale le variazioni annue del finanziamento, nel caso non siano espressamente indicate da alcuna norma, debbano essere corrispondenti a quelle del Pil. In pratica, per il 2015-2016 il finanziamento tendenziale o vigente può essere ricostruito in modo che la sua incidenza rispetto al Pil sia uguale a quella del 2014, anno per il quale il livello del finanziamento è definito.

I risultati di tale procedimento sono riportati nella Tabella 1.

Tabella 1 - Il finanziamento del SSN (2014-2016)

(milioni di euro)

 

 

 

 

 

2013

2014

2015

2016

Finanziamento tendenziale 

107.009

107.901

111.789

115.671

Tagli ddl stabilità 2014

0

0

-540

-610

Finanziamento programmato

107.009

107.901

111.249

115.061

Finanziamento programmato (in % Pil)

6,87

6,73

6,70

6,70

Fonte: elaborazione Fondazione Farmafactoring su dati MEF e Senato

Il finanziamento tendenziale per gli anni 2015-2016 è ricostruito utilizzando le stime "ufficiali" più recenti sulla dinamica del Pil (Nota d'Aggiornamento al DEF 2013). Considerando i risparmi di spesa previsti dal ddl stabilità 2014, il finanziamento programmato per il 2015 (111,2 miliardi di euro) e quello per il 2016 (115,1 miliardi di euro) si attesterebbero al 6,7% del Pil, rispettivamente 0,03 e 0,04 punti percentuali di Pil in meno rispetto al 2014.


Torna all'archivio notizie