Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Visualizzazione Contenuto Web Visualizzazione Contenuto Web

Banca Farma Factoring Publisher Banca Farma Factoring Publisher

"Rapporto la Sanità in controluce. Le politiche per la LTC in Italia: le opportunità per il futuro tra vincoli macroeconomici e interventi sostenibili"

L'aspettativa di vita degli italiani è progressivamente aumentata negli ultimi decenni e questo trend continuerà nei prossimi anni. In particolare, il programma Europa 2020 si pone come obiettivo quello di aumentare il numero di anni di vita in buona salute di 24 mesi entro il 2020. Il mondo sta quindi invecchiando e, nonostante l‘effetto in termini di aumento della spesa, questa è una buona notizia.

Purtroppo, l'allungamento della vita di cui abbiamo beneficiato non è sempre accompagnato da una buona salute. Il costo e la prevalenza delle malattie croniche sono in aumento tra gli anziani, così come la disabilità grave, con pesanti conseguenze per la sostenibilità del sistema: un mondo che oggi è appena in grado di soddisfare le esigenze sanitarie della sua attuale popolazione si troverà nei prossimi anni a dover affrontare e soddisfare i bisogni sanitari di centinaia di milioni di persone anziane.

In futuro, le pressioni sulle cure a lungo termine sono attese in crescita, per almeno quattro motivi. In primo luogo le trasformazioni demografiche, soprattutto nei modelli familiari, aumenteranno la domanda per i servizi LTC in tutti i paesi. In secondo luogo, cambiando i modelli sociali - calo della dimensione della famiglia, cambiamenti nei modelli residenziali di persone con disabilità e aumento della partecipazione femminile al mercato del lavoro formale – ci sarà una diminuzione della disponibilità di care-giver informali, facendo così aumentare la domanda di cure a pagamento. In terzo luogo, quando le società diventano più ricche, le persone chiedono sistemi di assistenza che siano più orientati al paziente, che possano fornire servizi di assistenza ben coordinati e con una migliore qualità nei servizi e dei sistemi socioassistenziali più reattivi. Infine, il cambiamento tecnologico aumenterà le possibilità di avere servizi di assistenza a lungo termine direttamente a casa, ma questo potrebbe imporre una diversa organizzazione delle cure. Queste modifiche creeranno una pressione al rialzo sulla domanda di risorse umane e finanziarie necessarie per fornire servizi LTC in futuro.

L'organizzazione e la gestione dei cambiamenti nei prossimi anni rappresenteranno il banco di prova delle politiche sociali e sanitarie in Italia e sarà anche il tema discusso nel Rapporto sulla Sanità in Controluce 2015 della Fondazione Farmafactoring dal titolo "Healthy and active aging e le politiche di LTC in Italia". Come sempre, nella stesura del Rapporto la Fondazione Farmafactoring si avvale della collaborazione del Cergas-Bocconi e della Fondazione Censis, oltre che dall'intervento di singoli ricercatori.

Introdotto da Vincenzo Atella, Direttore Scientifico della Fondazione, in questo appuntamento il Cergas-Bocconi presenterà i risultati della terza parte del Rapporto che prende in esame il sistema di offerta di servizi LTC, con particolare riferimento ai servizi sociosanitari per anziani non autosufficienti, analizzando la tipologia di servizi presente in alcune Aziende sanitarie considerate di particolare interesse. Più specificatamente, avendo presente l'eterogeneità dei singoli territori,l'offerta di servizi è stata studiata con l'obiettivo di descrivere i framework assistenziali disegnati e attuati con riferimento a:
• Modelli di servizio (destinatari, finalità, modalità di accesso, etc.) presenti nelle realtà considerate;
• Standard di servizio definiti dalle regioni in termini di profili professionali coinvolti e relativi carichi assistenziali;
• Modelli di finanziamento;
• Livello di copertura della domanda nei diversi territori di competenza tramite la presenza di strutture pubbliche e private;
• Percorso seguito dall'utente nell'accesso ai servizi, dalla manifestazione del bisogno, alla gestione della lista d'attesa, all'ingresso in struttura.

Infine, sulla base di quanto emerso durante le interviste condotte presso le diverse ASL, sono stati identificati e discussi alcuni nodi critici dei sistemi di servizi LTC analizzati, con particolare attenzione nell'evidenziare le strategie di miglioramento emergenti. È stato pertanto, a partire da soluzioni organizzative considerate "buone
pratiche", definire modelli di LTC in grado di integrare sui bisogni reali degli utenti le possibili fonti di finanziamento, che, se trattate in maniera indipendente, determinano un basso livello di risposta oltre a uno spreco di risorse pubbliche e private.Il documento di sintesi prodotto presenta proposte concrete e immediatamente "cantierabili" da mettere a disposizione dei policy makers. In tal modo, la Fondazione Farmafactoring auspica di poter contribuire in modo concreto e costruttivo al dibattito scientifico e politico su come rendere sostenibile il sistema sanitario italiano.

La relazione del Cergas-Bocconi servirà da spunto per la Tavola Rotonda sul tema "I modelli di LTC alla prova dei fatti: cosa funziona e cosa può essere migliorato", cui parteciperanno esperti ed operatori del settore che cercheranno di fare il punto della situazione discutendo di possibili soluzioni da applicare al caso italiano.


Torna ai convegni